a

Facebook


Copyright 2018
Associazione Forense Nazionale Italiana

CRITICITA’ E INCONGRUENZE FRA IL DEPOSITO TELEMATICO NEL PCT E LE NORME DEL CPC

PROFILI PROCESSUALI DEL DEPOSITO TELEMATICO E RISPETTO DEL CONTRADDITTORIO  - Avv. Gabriella Lamicela La disciplina in materia di deposito telematico degli atti processuali ha sicuramente agevolato, sotto molti profili, l’attività del difensore, sia garantendo tempi sostanzialmente più ampi e più comodi per l’incombente (non più legato agli orari di apertura delle cancellerie), sia perché, una volta effettuato il deposito, per l’avvocato diventa estremamente più semplice rinvenire il documento nel fascicolo telematico, anche al fine di conservare la memoria dell’assolvimento dell’onere. Nonostante tali aspetti sicuramente positivi, tuttavia, non si può non tenere conto del fatto come tale modalità di deposito apra il fianco ad alcune criticità strettamente connesse al rispetto dei termini processuali ed al corretto ed ordinato svolgimento del contraddittorio. Sul punto giova premettere che la scansione temporale dei depositi effettuati tramite pec si articola in un procedimento composto da quattro fasi, tutte documentate da messaggi di posta elettronica certificata: si avranno infatti, la ricevuta di accettazione della pec da parte del sistema, l’attestazione di avvenuta consegna, il messaggio riguardante l’esito dei controlli automatici e quello, finale, del cancelliere che attesta l’avvenuta accettazione del deposito. Normalmente le prime tre fasi sono abbastanza rapide: i messaggi di accettazione e consegna, di regola, vengono generati quasi contestualmente all’invio; quello riguardante l’esito dei controlli automatici, invece, può richiedere tempi moderatamente più lunghi ed intervenire, in alcuni casi, anche uno o due giorni dopo la consegna della pec. L’ultimo messaggio, invece, è strettamente legato all’attività del cancelliere, che deve inserire la busta (con gli atti ivi contenuti) nel fascicolo telematico del processo. Tale ultima fase, essendo legata ad un’attività “umana”, può richiedere anche diversi giorni, essendo legata alla materiale disponibilità del cancelliere che potrebbe, in ipotesi, essere oberato di lavoro e, quindi, ritardare ad effettuare l’inserimento nel fascicolo. In tale situazione diventa determinante accertare in quale momento, per il depositante, possa ritenersi assolto l’onere del deposito. Sul punto soccorre l’articolo 16 bis del D.L. 179/2012, per il quale “Il deposito con modalità telematiche si ha per avvenuto al momento in cui viene generata la ricevuta di avvenuta consegna da parte del gestore di posta elettronica certificata del ministero della giustizia. Il deposito è tempestivamente eseguito quando la ricevuta di avvenuta consegna è generata entro la fine del giorno di scadenza”. Forse, sotto tale profilo, sarebbe opportuno che il notificante si liberasse dall’alea di qualunque ritardo dal momento in cui ha inviato la mail (accettazione), analogamente a quanto avviene in materia di notificazione,  stante...

Continua a leggere

L’AFNI ANCHE A SIRACUSA. COSTITUITA LA SEDE CIRCOSCRIZIONALE DEL TRIBUNALE DI SIRACUSA

Presidente l'Avv. Cesare Spadaro, Vice Presidente  l'Avv. Santo Giliberto, Segretario l'Avv. Danilo Giannone e Tesoriere l'Avv. Nicola Zirone. COSTITUITA ANCHE LA SEDE CIRCOSCRIZONALE DI SIRACUSA Ancora un nuovo passo avanti nella crescita della nostra grande famiglia. Si è costituita la sede Circoscrizionale dell'Associazione Forense Nazionale Italiana presso il Tribunale di Siracusa. L'assemblea costituente ha eletto come Presidente l'Avv. Cesare Spadaro, come Vice Presidente  l'Avv. Santo Giliberto, Segretario l'Avv. Danilo Giannone e Tesoriere l'Avv. Nicola Zirone. E' una ottima compagine, senza dimenticare gli altri Soci fondatori di eguale valore e spessore professionale, che siamo certi sarà attiva e solerte nell'interesse dell'Avvocatura. Auguriamo buon lavoro ai Colleghi ed Amici eletti nonchè a tutti Soci. ...

Continua a leggere

COSTITUITA LA SEDE DISTRETTUALE DELL’AFNI A TORINO

Presidente l'Avv. Valeria Furnò, Vice Presidente l'Avv. Olga Maria De Cesare, Segretaria l'Avv. Mara Braghina  e l'Avv. Cecilia Villani, tesoriere. COSTITUITA ANCHE LA SEDE DISTRETTUALE DI TORINO DELL'AFNI L'impegno degli Avvocati nella politica forense cresce ancora.  Con vera soddisfazione ed un pizzico di orgoglio, siamo lieti di comunicare la costituzione della sezione Distrettuale dell'Associazione Forense Nazionale Italiana di Torino. L'assemblea costituente ha eletto come presidente l'Avv. Valeria Furnò, Vice Presidente l'Avv. Olga Maria De Cesare, Segretaria l'Avv. Mara Braghina  e l'Avv. Cecilia Villani, tesoriere. E' una bella squadra, tutta al femminile,  a cui diamo il benvenuto nella nostra famiglia ed auguriamo buon lavoro, proprio in un momento in cui l'Avvocatura italiana annaspa fra mille problemi e contraddizioni.   ...

Continua a leggere